BIANUAL

BIANUAL

A partir de
Por R$ 299,00

ASSINAR
ANUAL

ANUAL

A partir de
Por R$ 178,00

ASSINAR
ANUAL ONLINE

ANUAL ONLINE

A partir de
Por R$ 99,00

ASSINAR


Mosaico Italiano é o melhor caderno de literatura italiana, realizado com a participação dos maiores nomes da linguística italiana e a colaboração de universidades brasileiras e italianas.


DOWNLOAD MOSAICO

Baixe nosso aplicativo nas lojas oficiais:

Início » Tullio Kezich è morto, aveva 80 anni

Tullio Kezich è morto, aveva 80 anni

17 de agosto de 2009 - Por Comunità Italiana

{mosimage}Era malato da tempo. Per volontà dello scrittore non ci saranno funerali e la sua salma sarà cremata

 

MILANO – Tullio Kezich è morto a Roma, aveva 80 anni. Lo scrittore, autore teatrale, critico cinematografico e firma del Corriere della Sera era nato a Trieste il 17 settembre 1928 ed era malato da tempo. Per volontà dello stesso Kezich non ci saranno funerali e la sua salma sarà cremata.

GLI INIZI – La sua esperienza di critico cinematografico è iniziata nel '41, con una fitta corrispondenza con le riviste Cinema e Film. L'esordio da giornalista risale al 2 agosto 1946, come recensore per l'emittente radiofonica Radio Trieste, con la quale collabora fino agli anni Cinquanta, occupandosi dal primo dopoguerra del festival di Venezia. Nel 1950 inizia la collaborazione con la rivista Sipario, di cui è direttore dal 1971 al 1974. Kezich lavora in seguito con Settimana Incom, Panorama, La Repubblica e Il Corriere della Sera. Dalle recensioni pubblicate su Panorama Kezich ha tratto una serie di volumi dedicati al cinema, intitolati «Mille film», da quelle scritte sul Corriere della Sera i volumi "Cento film».

I FILM – Nel cinema Kezich esordisce come segretario di produzione nel 1949 per il film «Cuori senza frontiere», diretto da Luigi Zampa. Nel 1961 collabora alla stesura de «Il posto» di Ermanno Olmi e contribuisce con lui alla fondazione della casa di produzione cinematografica "22 dicembre", che dirige fino alla cessazione delle attività nel 1965, producendo film come «I basilischi» di Lina Wertmueller e «L'età del ferro» di Roberto Rossellini. Partecipa come sceneggiatore alla stesura degli adattamenti o di storie originali in diverse pellicole cinematografiche, tra cui «La leggenda del santo bevitore» di Ermanno Olmi, Leone d'oro al festival di Venezia. Nonostante frequentasse assiduamente il mondo di Cinecittà e dintorni, diventando amico inseparabile di Federico Fellini fin dagli anni della Dolce Vita, Kezich esitò a lungo prima di trasferirsi in pianta stabile nella capitale. Per il teatro ha curato una cinquantina di spettacoli come autore, traduttore e adattatore: ha fatto conoscere al grande pubblico il teatro di Pirandello e Svevo. Tra i suoi lavori «La coscienza di Zeno» di Svevo, fece da base per le trasposizioni tv interpretate da Alberto Lionello. Nel 2008 è stata la volta de «Il romanzo di Ferrara», omaggio a Giorgio Bassani.

Fonte: www.corriere.it 

Comunità Italiana

A revista ComunitàItaliana é a mídia nascida em março de 1994 como ligação entre Itália e Brasil.

Leia também outras matérias da nossa revista.



Comentários

Leia agora a edição 292

ENQUETE

Você acredita que ainda pode haver uma reviravolta em relação às eleições brasileiras?

Ver resultados

Carregando ... Carregando ...

NOSSO E-BOOK GRÁTIS

SIGA NAS REDES

HORA E CLIMA EM ROMA

  • 17h56
fique por dentro

Não perca
nenhuma
notícia.

Cadastra-se na nossa ferramenta e receba diretamente no seu WhatsApp as últimas notícias da comunidade.