BIANUAL

BIANUAL

A partir de
Por R$ 299,00

ASSINAR
ANUAL

ANUAL

A partir de
Por R$ 178,00

ASSINAR
ANUAL ONLINE

ANUAL ONLINE

A partir de
Por R$ 99,00

ASSINAR


Mosaico Italiano é o melhor caderno de literatura italiana, realizado com a participação dos maiores nomes da linguística italiana e a colaboração de universidades brasileiras e italianas.


DOWNLOAD MOSAICO

Baixe nosso aplicativo nas lojas oficiais:

L’intervento di Conte: “Riapertura di nidi, scuole materne e centri estivi da valutare”

30 de abril de 2020 - Por Comunità Italiana
L’intervento di Conte: “Riapertura di nidi, scuole materne e centri estivi da valutare”

Informativa urgente del presidente del Consiglio in Parlamento: «Le iniziative improvvide delle Regioni sono illegittime. Le nostre decisioni prese solo su basi scientifiche: No al ritorno immediato alla normalità».

Cita Platone e Aristotele, per richiamare la differenza fra opinioni e tesi scientifiche. Li cita per dire che si è fondato sui rapporti degli scienziati e degli esperti, che «un approccio non graduale della riapertura porterebbe a una recrudescenza dell’epidemia», con conseguenze drammatiche sia per il sistema sanitario sia per i danni «che potrebbero essere ancora maggiori per la nostra economia». Per questo abbiamo «operato una scelta sulla base di protocolli rigorosi», e per questo il 4 maggio segna l’inizio «graduale» di una riapertura, verso «la riconquista di una vita più serena, ma di convivenza con il virus, nonostante qualcuno si fosse illuso».

Giuseppe Conte nella sua informativa alla Camera si difende dalle critiche e soprattutto difende le sue scelte. «Non possiamo permettere che gli sforzi compiuti risultino vani, qualsiasi atteggiamento ondivago rischierebbe di compromettere gli sforzi sin qui compiuti, a rischio di apparire impopolare non possiamo permettere un pieno ritorno alla normalità». Sarebbe semplice «dal punto di vista del consenso riaprire tutto, ma questo non è un programma elettorale».

Nelle prossime settimane, prosegue Conte, proseguiremo con una sperimentazione e un monitoraggio costante, sia del sistema sanitario, sia dei livelli di contagio, sia attraverso la app Immuni, che potrà «essere scaricata gratuitamente e non conserverà i dati personali degli utenti», sia infine attraverso 150 mila test sierologici: avremo in questo modo «un quadro più completo dell’epidemia nel nostro Paese».

Nelle prossime ore, illustra ancora Conte, attraverso questo monitoraggio potremo anche «operare delle ulteriori riaperture ma sempre su basi strettamente scientifiche, non sulla base di improvvide iniziative di enti locali». E sono a considerarsi «del tutto illegittime quelle ordinanze regionali che sono più permissive rispetto alle decisioni del governo». Sappiamo quanti «danni economici» questa situazione sta causando a tanti settori, ma sia per il commercio al dettaglio che per le attività ricreative «opereremo le riaperture quando i dati scientifici ce lo permetteranno».

Sugli aiuti economici «il governo non intende lasciare indietro nessuno, introdurremo ulteriori agevolazioni e trasferimenti, perché non si creino aree di nuove povertà». Per le piccole e medie imprese «stanzieremo circa 15 miliardi di euro». Per il settore turistico cercheremo «di introdurre dei bonus per alimentare la scelta di un turismo interno». Ci saranno anche provvedimenti di sostegno per le famiglie con bambini, per quelle meno abbienti, e «occorrerà valutare la possibile riapertura, in modalità sperimentale, dei nidi e delle scuole dell’infanzia, oltre ai centri estivi e ad altre attività ludiche ed educative destinate ai nostri bambini». Mentre per i disabili «abbiamo previsto e lavorato con le associazioni, una riapertura dei centri diurni così detti semi-residenziali».

Due i decreti legge annunciati dal premier. Il primo è il decreto aprile, ormai diventato maggio, con 55 miliardi stanziati di cui 25 per il sostegno al reddito, 15 per le imprese, più sblocco dei pagamenti Pa, ingresso temporaneo di Cdp nel capitale delle imprese a fronte dell’indebitamento, sgravi quasi al 100% per interventi di riqualificazione energetica e di efficientamento antisismico, bonus per le famiglie che trascorreranno le vacanze in Italia. Il secondo è un decreto per la «Rinascita» economica e produttiva dell’Italia, a partire da misure per stimolare investimenti pubblici e privati. Una riforma delle regole degli appalti e delle modalità di spesa, insieme «all’individuazione di una serie di investimenti strategici», faranno parte «di un programma nazionale di accelerazione degli investimenti», oggetto di prossimi provvedimenti.

Quindi la difesa del metodo dei propri provvedimenti, quei decreti del Presidente del Consiglio che tante critiche hanno attirato, anche da parte di costituzionalisti, in quanto atti amministrativi e non legislativi: «Ma c’è una base di copertura legale nei decreti legge che hanno dichiarato lo stato di emergenza per 6 mesi, una base che ci fa superare qualsiasi riserva di costituzionalità». Il diritto costituzionale «è equilibrio fra diversi interessi e quando è in gioco la tutela di interessi primari le scelte per quanto tragiche diventano obbligate, ho sempre agito in scienza e coscienza per tutelare il diritto alla salute, è ingiusta la critica di aver compresso le libertà individuali». E «l’esigenza di tempestività» ha ulteriormente sostenuto la scelta di Dpcm. In questo quadro «il Parlamento ha tutti gli strumenti per controllare l’attività del governo».

E per concludere un omaggio «ai cittadini italiani, è merito loro se la reputazione del Paese è cresciuta nelle ultime settimane, dobbiamo ringraziarli per i sacrifici fatti e i comportamenti virtuosi». Il premier ha poi ringraziato medici e paramedici che si stanno impegnando in tutta Italia nella lotta al coronavirus e nell’aula è scattato un lungo e unanime applauso. Nel mese di maggio, ha poi sottolineato, «si procederà ad effettuare 150mila test sierologici, un campione verrà selezionato dall’Istat. Dovremo essere pronti a misure tempestive, anche restrittive» in caso di nuova crescita dei contagi. «Misure che potranno essere mirate su specifici territori».

Sull’utilizzo dei Dpcm (un «male necessario», ha detto Conte), critico il vicesegretario Pd Andrea Orlando, che si è augurato che «con il superamento della fase emergenziale» questo strumento sia usato il meno possibile. Anche il deputato dem e costituzionalista Stefano Ceccanti, promotore di un emendamento per la parlamentarizzazione dei decreti del premier ha osservato: «Ho ascoltato con estrema attenzione il presidente Conte. Condivido la difesa delle scelte passate però praticamente mi sembra che abbia sostenuto che nei rapporti fra Parlamento e governo non si inaugura nessuna fase 2».

Interventi duri, nel dibattito che segue in Aula. E non solo da parte delle opposizioni. «Lei ci sta chiedendo pieni poteri, è preoccupante. Basta con i reality show», tuona Giorgia Meloni. «La misura è colma», afferma Forza Italia. «Conte un tiranno? No, è semplicemente diversamente sincero. Sta umiliando l’Italia», è l’affondo della Lega. Ma anche dai banchi della maggioranza, pur riconfermando tutti la fiducia nel governo e nel premier, arrivano delle puntualizzazioni, con alcuni passaggi che appaiono non tanto teneri. E’ soprattutto Italia viva a segnare la differenza: il presidente Ettore Rosato conferma sì l’appoggio al governo. Ma avverte: «I prossimi Dpcm venga ad illustrarli qui in Aula, anche di domenica sera e in diretta televisiva. E lo dico non per polemica ma perché la democrazia ha una caratteristica, quella di evitare che ci sia uno solo al comando che ritiene di avere sempre ragione, penso che questo pericolo c’è e a questo servono le regole, ad evitarlo». (Corriere della Sera)

Comunità Italiana

A revista ComunitàItaliana é a mídia nascida em março de 1994 como ligação entre Itália e Brasil.

Leia também outras matérias da nossa revista.



Comentários
Array
(
    [0] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 6936
            [name] => Centri Estivi
            [slug] => centri-estivi
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 6936
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 1
            [filter] => raw
        )

    [1] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 6438
            [name] => Coronavírus
            [slug] => coronavirus
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 6438
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 572
            [filter] => raw
        )

    [2] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 6564
            [name] => Covid-19
            [slug] => covid-19
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 6564
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 492
            [filter] => raw
        )

    [3] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 3552
            [name] => Giuseppe Conte
            [slug] => giuseppe-conte
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 3552
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 124
            [filter] => raw
        )

    [4] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 6935
            [name] => Nidi
            [slug] => nidi
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 6935
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 1
            [filter] => raw
        )

    [5] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 6602
            [name] => Pandemia
            [slug] => pandemia
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 6602
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 403
            [filter] => raw
        )

    [6] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 6934
            [name] => Scuole Materne
            [slug] => scuole-materne
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 6934
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 1
            [filter] => raw
        )

)

ENQUETE

Com medidas de distanciamento e sanitização, pontos turísticos da Itália estão programando reabertura para visitantes a partir de junho. Você pretende viajar para o exterior antes do fim do ano?

Ver resultados

Carregando ... Carregando ...

NOSSO E-BOOK GRÁTIS

SIGA NAS REDES

HORA E CLIMA EM ROMA

  • 05h53
fique por dentro

Não perca
nenhuma
notícia.

Cadastra-se na nossa ferramenta e receba diretamente no seu WhatsApp as últimas notícias da comunidade.