BIANUAL

BIANUAL

A partir de
Por R$ 299,00

ASSINAR
ANUAL

ANUAL

A partir de
Por R$ 178,00

ASSINAR
ANUAL ONLINE

ANUAL ONLINE

A partir de
Por R$ 99,00

ASSINAR


Mosaico Italiano é o melhor caderno de literatura italiana, realizado com a participação dos maiores nomes da linguística italiana e a colaboração de universidades brasileiras e italianas.


DOWNLOAD MOSAICO

Baixe nosso aplicativo nas lojas oficiais:

La ragazza muore di malaria in Italia

05 de setembro de 2017 - Por Fernanda Queiroz
La ragazza muore di malaria in Italia

 

Una bambina di 4 anni, Sofia Zago, è morta di malaria nella notte tra domenica e lunedì all’ospedale di Brescia dove era stata trasferita d’urgenza. Come riporta Repubblica, la piccola e la sua famiglia, di Trento, nelle scorse settimane non si erano recati all’estero o in Paesi a rischio, ma erano stati in vacanza a Bibione, in Veneto.

Era stata ricoverata a Trento

Ora l’attenzione è puntata anche su un ricovero che la bambina ha avuto nel reparto di pediatria dell’ospedale Santa Chiara di Trento dopo Ferragosto, negli stessi giorni in cui erano ricoverati due ragazzini che avevano contratto la malaria in Africa, ma al momento non c’è ancora un nesso certo. Come spiega al Corriere della Sera Claudio Paternoster, il primario di malattie infettive dell’ospedale Santa Chiara di Trento, “È la prima volta in trent’anni di carriera che assisto ad un caso di malaria autoctona in Trentino”.

I genitori: “Non capiamo come sia successo”

Grandissimo il dolore dei genitori della bambina. L’Alto Adige riporta el parole di Marco Zago e Francesca Ferro, che hanno fatto rientro ieri a Trento, nella loro casa di Piedicastello e non riescono a spiegare come la bambina sia potuta venire in contatto con i parassiti portatori della malaria: “Non abbiamo frequentato zone in cui è presente questa malattia – hanno spiegato – siamo semplicemente andati in vacanza sul litorale veneto”.

Bimba uccisa da malaria cerebrale

La bambina è stata colpita da malaria cerebrale, la forma più grave della malattia. Questo tipo aggressivo di morbo, si legge sul Fatto Quotidiano, viene trasmesso dal Plamodium Falciparum, la specie più aggressiva di un protozoo parassita trasmesso dalla zanzara Anopheles. La malattia è diffusa prevalentemente nell’Africa Sub-sahariana, in Asia, in America centrale e del Sud.

L’epidemiologo: “Un caso criptico, rarissimo”

“E’ un caso criptico, rarissimo”, ha detto Giovanni Rezza, medico epidemiologo e responsabile del Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità. “Criptico perché – ha spiegato l’esperto come riporta Huffington Post – questa malattia viene trasmessa da un certo tipo di zanzara che in Italia non c’è ed è ignota allora la modalità di trasmissione. Visto che in Italia la zanzara non esiste, la trasmissione allora può avvenire con contatto sangue nel sangue e quindi da qualcuno che ha già contratto il virus. Ma ora non sappiamo nulla sulla modalità di trasmissione e, sottolineo, questi sono casi davvero molto rari”.

Aperta un’indagine

Anche la magistratura bresciana vuole saperne di più sull’accaduto e ha aperto un’indagine. Per ora, si legge su Repubblica, non c’è nessuna certezza, ma nel reparto di pediatria del santa Chiara ci sarà una disinfestazione come indicano le linee guida dell’Istituto superiore di sanità, anche se non ci sarebbero rischi per coloro che hanno frequentato il reparto nei giorni scorsi. (agi)

Comunità Italiana

A revista ComunitàItaliana é a mídia nascida em março de 1994 como ligação entre Itália e Brasil.

Comentários
Array
(
    [0] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 1114
            [name] => Bimba
            [slug] => bimba
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 1114
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 2
            [filter] => raw
        )

    [1] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 1086
            [name] => Brescia
            [slug] => brescia
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 1086
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 15
            [filter] => raw
        )

    [2] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 1116
            [name] => Caro-raro
            [slug] => caro-raro
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 1116
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 1
            [filter] => raw
        )

    [3] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 199
            [name] => Itália
            [slug] => italia
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 199
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 1034
            [filter] => raw
        )

    [4] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 1113
            [name] => Malaria
            [slug] => malaria
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 1113
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 2
            [filter] => raw
        )

    [5] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 1115
            [name] => Trento
            [slug] => trento
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 1115
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 5
            [filter] => raw
        )

)

ENQUETE

Milão fixa sinalizações pela cidade e volta a liberar a livre circulação de patinetes elétricos. Você é a favor da medida?

Ver resultados

Carregando ... Carregando ...

NOSSO E-BOOK GRÁTIS

SIGA NAS REDES

HORA E CLIMA EM ROMA

  • 21h12
fique por dentro

Não perca
nenhuma
notícia.

Cadastra-se na nossa ferramenta e receba diretamente no seu WhatsApp as últimas notícias da comunidade.