BIANUAL

BIANUAL

A partir de
Por R$ 299,00

ASSINAR
ANUAL

ANUAL

A partir de
Por R$ 178,00

ASSINAR
ANUAL ONLINE

ANUAL ONLINE

A partir de
Por R$ 99,00

ASSINAR


Mosaico Italiano é o melhor caderno de literatura italiana, realizado com a participação dos maiores nomes da linguística italiana e a colaboração de universidades brasileiras e italianas.


DOWNLOAD MOSAICO

Baixe nosso aplicativo nas lojas oficiais:

Início » Il controllore chiacchiera con la ragazza poi lo schianto nel cielo sull’Hudson

Il controllore chiacchiera con la ragazza poi lo schianto nel cielo sull’Hudson

20 de agosto de 2009 - Por Comunità Italiana

{mosimage}Nello schianto tra il Piper e l'elicottero sono morti in 12, fra cui 5 italiani

 

NEW YORK – Chiacchiere in libertà al telefono su una grigliata serale, il pieno di gas da fare, scherzi su un gatto morto da bruciare. Poi il gelo, e l'orrore. "O mio Dio! Ho sentito giusto?" Sono le 11 e 55 a New York il sabato 8 agosto, l'ora della collisione nei cieli sopra il fiume Hudson tra un Piper e l'elicottero Liberty Tours con cinque turisti italiani. Nell'ufficio dell'aeroporto di Teterboro una donna ha appena sentito l'annuncio: "Un aereo si è scontrato con un elicottero a sud del Lincoln Tunnel un minuto fa". Lei stenta a crederci, chiede al suo amico controllore di volo: "Ho sentito giusto?" Lui è di servizio nella torre di Teterboro che aveva dato l'ok al decollo del Piper, Carl Turner, 38 anni. Fino a quel momento quasi sempre distratto, con la testa altrove, a conversare al telefono con quella donna che è la sua girl-friend. Lei sta in un ufficio separato dello scalo di Teterboro nel New Jersey. La loro lunga telefonata è già al centro di uno scandalo.

La Federal Aviation Authority non appena ha messo le mani su quella registrazione ha sospeso Turner e lo ha sottoposto a provvedimento disciplinare, per "comportamento inappropriato". Assente di fatto dalle sue funzioni, mentre un suo comando avrebbe potuto cambiare la storia di quella giornata. Il National Safety Transportation Board ha ipotizzato una precisa responsabilità del controllore per il crash sullo Hudson in cui sono morte nove persone, anche se in seguito ha fatto una parziale retromarcia. Ora la trascrizione completa di quei minuti di dialogo restituisce una scena assurda e agghiacciante, la ricostruzione di quei minuti in cui forse la tragedia poteva essere evitata.


Fino alle 11 e 50 i nastri registrati riportano un contatto di routine fra il controllore Turner e il pilota del piccolo velivolo da turismo Stephen Altman. Dalla torre di Teterboro arriva la segnalazione che un pilota di elicottero (ma non è quello della Liberty Tours con gli italiani a bordo) ha avvistato il Piper in arrivo sopra lo Hudson: questo è un dettaglio che viene alla luce solo adesso. "L'elicottero ti ha visto", dice Turner alla radio, "grazie", gli risponde Altman. Da quel momento il controllore comincia a parlare con la sua amica: "Abbiamo abbastanza gas per le bombole della grigliata?" Poi scherza, "diamo fuoco al gatto", allude a un gatto morto ritrovato nell'aeroporto. Lei: "Disgustoso, che schifo". Lui: "Ma non lo fanno i cinesi?"

Alle 11 e 52 in questa conversazione privata irrompe un messaggio dalla torre di controllo di Newark, lo scalo più grande del New Jersey. Da là hanno sentore del pericolo a cui va incontro il Piper. "Teterboro, qui Newark – chiamano i controllori dell'altro aeroporto che ha competenza sul corridoio aereo dello Hudson – non potresti deviare quel tizio per allontanarlo dall'altro traffico per favore?" Turner ha ben altro per la testa e non capisce subito: "Ripeti, Newark". Le istruzioni s'incrociano confusamente ma nel frattempo il tecnico di Teterboro non interrompe la telefonata con la sua fidanzata, il dialogo privato fra i due va avanti. Alle 11 e 53 Turner ha la sensazione che qualcosa giri storto: "Accidenti". "Che succede", gli chiede la donna. Quattro secondi prima della collisione, smette di parlare con lei e chiede notizie a Newark sul Piper. La risposta terribile arriva un minuto dopo: "Credo che sia andato giù, nello Hudson". Due minuti dopo Turner chiama di nuovo la sua amica, che sente la notizia sulla frequenza radio.

LE TRASCRIZIONI

11:48:46
La torre di controllo di Teterboro contatta un elicottero – non lo stesso coinvolto nel crash – per comunicare che un aereo sta decollando e "gierà verso sud est, raggiungerà il fiume e salità fino a 1000 metri". Il controllore chiede al Piper, numero in codice N71Mc, di comunicare la sua altitudine

11:50:05
Pilota del Piper: "Stiamo salendo a quota 400"
Torre di controllo di Teterboro.

11:50:41
La torre di controllo di Teterboro parla al telefono con una donna del centro operativo dell'aeroprto. "Come siamo a gas per il grill?", chiede.
Centro operativo: "Huh?"
Torre di controllo: "Ho detto: come siamo a gas per il grill?"
Centro operativo: (intellegibile ) "Purtroppo non possiamo, mi sa che non possiamo oggi"
Torre di controllo: (inintellegibile): "Dai fuoco al gatto", riferimento a un gatto morto trovato prima all'aeroporto
Centro operativo: "Oh, ma è disgustoso. Augh, questa cosa è disgustosa"
Torre di controllo: "I cinesi lo fanno, noi perché no?"
Centro operativ: "Augh, chiudila qua"
Torre=2 0di controllo: ride

11:51:17
Torre di controllo al pilota del Piper: "One mike charlie, comincia a girare a sinistra per raggiungere l'Hudson"
Il pilota del Piper: "One mike Charlie"
Torre di controllo: "Questo è un ragazzo simpatico"
Centro operativo: "Lo so" (risata)
Torre di controllo: (inintellegibile)
Centro operativo: "Oh my God. Era davvero cattivo. Ugh"
La convesazione contiua per 2 minuti e mezzo circa, inframmezzata con comunicazioni radio con vari velivoli

11.52.19
La torre di controllo si mette in contatto col Piper e istruisce il pilota per contattare la torre di controllo alll'aeroporto di Newark su una certa frequenza, e il pilota ripete le istruzioni, Allo stesso tempo, la torre di controllo di Newark chiama Teterboro per il Piper.
Torre di controllo di Newark. " Hey, Teterboro, qui Newark. Volete spostare quel tizio, forse metterlo a un livello 22 per tenerlo fuori dal traffico degli altri, per favore?"
Torre ci controllo Teterboro: " Ripeti, Newark"
Torre di controllo di Newark.: "Potete spostare quel Piper…"
Torre ci controllo Teterboro: "Io… Ci do un occhio, è dura".
Torre di controllo di Newark: "Io non riesco a parlarci, così…"
Torre di controllo di Teterboro, cercando di contattare il Pipier: "One mike Charlie, Newark è sui 27 85 (è la frequenza radio, ndt). Si è perso nelle frequenze radio, prova ancora"
Torre di controllo di N ewark: "One mike charlie, Newark"
Durante tutto questo tempo, il controllore di Teterboro è anche al telefono con la donna del centro operativo

11.53:07
Torre di controllo di Teterboro all'ufficio operativo: "Dannazione"
Centro operativo: "Che succede?"
Torre di controlo: "Yeah, fammi tirarmene fuori". Aggancia alle 11.53.07, quattro secondi prima della collisione
Torre di controllo di Teterboro, alla radio con Newark: "Newark, qui Teterboro, ce l'avete ancora?"
Torre di controllo di Newark: "Niente".

11:55:17
Torre di controllo di Newark: "Penso sia andato giù nell'Hudson"

11:55:42
Un altro pilota di elicotero nell'area:"Sappiate che c'è un aereo che si è scontrato con un elcottero proprio a sud del Lincoln tunnel un minuto fa"
Centro operativo di Teterboro: "Ha detto quello che io penso c he hai detto?"
Torre di controllo: "Yeah"
Centro operativo: "Dove?"
Torre di controllo: "Sul fiume"
Centro operativo: "Oh mio dio. Ok, grazie".

Fonte: www.repubblica.it 

Comunità Italiana

A revista ComunitàItaliana é a mídia nascida em março de 1994 como ligação entre Itália e Brasil.

Leia também outras matérias da nossa revista.



Comentários

Leia agora a edição 292

ENQUETE

Após o resultado das eleições brasileiras e italianas, você acredita que os laços entre as duas nações se fortalecerão?

Ver resultados

Carregando ... Carregando ...

NOSSO E-BOOK GRÁTIS

SIGA NAS REDES

HORA E CLIMA EM ROMA

  • 05h08
fique por dentro

Não perca
nenhuma
notícia.

Cadastra-se na nossa ferramenta e receba diretamente no seu WhatsApp as últimas notícias da comunidade.