BIANUAL

BIANUAL

A partir de
Por R$ 299,00

ASSINAR
ANUAL

ANUAL

A partir de
Por R$ 178,00

ASSINAR
ANUAL ONLINE

ANUAL ONLINE

A partir de
Por R$ 99,00

ASSINAR


Mosaico Italiano é o melhor caderno de literatura italiana, realizado com a participação dos maiores nomes da linguística italiana e a colaboração de universidades brasileiras e italianas.


DOWNLOAD MOSAICO

Baixe nosso aplicativo nas lojas oficiais:

Início » Fecondazione, Schifani attacca Fini “La 40, legge buona e di libertà”

Fecondazione, Schifani attacca Fini “La 40, legge buona e di libertà”

03 de abril de 2009 - Por Comunità Italiana

{mosimage}Il presidente della Camera difende la legge sulla procreazione assistita
"Stato laico significa non rinunciare alle proprie responsabilità quando ci sono vuoti normativi da colmare"

 

ROMA – Quella sulla fecondazione assistita è "una buona legge, di libertà", votata secondo coscienza dai parlamentari su cui non c'è alcun rischio di dogmatismo, così come non si riscontra la presenza di una "eticità" nella vita delle istituzioni. Il presidente del Senato, Renato Schifani, difende la legge 40 dopo la decisione della Corte Costituzionale che ne ha bocciate alcune parti e, di fatto, replica a Gianfranco Fini, che ieri aveva parlato di "una sentenza che rende giustizia alle donne", sottolineando che "una legge basata su dogmi etico-religiosi è sempre suscettibile di censura di costituzionalità".

Da Herat, in Afghanistan, dove si trova per un passaggio di consegne fra i militari italiani, Schifani osserva che "una legge, quando affronta un dibattito lungo e tanti passaggi parlamentari con voti segreti nei quali si vota secondo coscienza e non sulla base di dogmi, è una buona legge, di libertà anche perché non vi può essere alcuna ingerenza dei partiti o di altri".

"La Corte Costituzionale – aggiunge il presidente del Senato – sta lì a vigilare sui principi. Devo dire che la legge sul testamento biologico e la legge 40 hanno visto tanti voti segreti, nei quali il parlamentare vota secondo coscienza e secondo il suo credo religioso, ma da qui a parlare di dogmi, troverei qualche difficoltà".

Per il primo inquilino di Palazzo Madama – che ricorda anche come nel caso dell'approvazione della legge 40 ci sia stata una convergenza "superiore alla maggioranza di cartello" – non vi è alcun rischio di una trasformazione dell'Italia in Stato etico: "Stato laico significa non rinunziare alle proprie responsabilità tutte le volte che ci si rende conto che ci sono vuoti normativi da colmare. Quindi personalmente – conclude – non riscontro nella legge sul testamento biologico o nella legge 40 la presenza di una eticità della vita parlamentare, così come in tutte quelle leggi approvate con voti segreti. Lì sono le coscienze che decidono non i dogmi".

 
Fonte: www.repubblica.it 

Comunità Italiana

A revista ComunitàItaliana é a mídia nascida em março de 1994 como ligação entre Itália e Brasil.

Leia também outras matérias da nossa revista.



Comentários

Leia agora a edição 293

ENQUETE

O Ministério da Educação da Itália lançou uma circular em que proíbe o uso de celulares e dispositivos eletrônicos análogos em salas de aula de todo o país. Você concorda com a medida?

Ver resultados

Carregando ... Carregando ...

NOSSO E-BOOK GRÁTIS

SIGA NAS REDES

HORA E CLIMA EM ROMA

  • 08h05
fique por dentro

Não perca
nenhuma
notícia.

Cadastra-se na nossa ferramenta e receba diretamente no seu WhatsApp as últimas notícias da comunidade.