BIANUAL

BIANUAL

A partir de
Por R$ 299,00

ASSINAR
ANUAL

ANUAL

A partir de
Por R$ 178,00

ASSINAR
ANUAL ONLINE

ANUAL ONLINE

A partir de
Por R$ 99,00

ASSINAR


Mosaico Italiano é o melhor caderno de literatura italiana, realizado com a participação dos maiores nomes da linguística italiana e a colaboração de universidades brasileiras e italianas.


DOWNLOAD MOSAICO

Baixe nosso aplicativo nas lojas oficiais:

Início » È morto Roberto Maroni, l’ex ministro dell’Interno aveva 67 anni

È morto Roberto Maroni, l’ex ministro dell’Interno aveva 67 anni

23 de novembro de 2022 - Por Comunità Italiana
È morto Roberto Maroni, l’ex ministro dell’Interno aveva 67 anni

Lottava da tempo contro una grave malattia. L’annuncio della famiglia: “Ciao Bobo, inguaribile ottimista”. Tre volte ministro, vicepremier, ex governatore della Lombardia, è stato segretario federale della Lega. Il cordoglio della premier Meloni

Èmorto l’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni, aveva 67 anni. Lottava da tempo contro una grave malattia. Maroni, secondo quanto si è appreso, è morto nella notte in casa nel Varesotto dove ha trascorso gli ultimi mesi. “Questa notte alle 4 il nostro caro Bobo ci ha lasciato. A chi gli chiedeva come stava, anche negli ultimi istanti, ha sempre risposto ‘bene’. Eri così Bobo, un inguaribile ottimista. Sei stato un grande marito, padre e amico”. 

Queste le parole scelte dalla famiglia per annunciare la sua morte. “Chi è amato non conosce morte, perché l’amore è immortalità, o meglio, è sostanza divina (Emily Dickinson). Ciao Bobo”, si conclude il messaggio.

Storico esponente della Lega Nord, ha condiviso con Umberto Bossi gli inizi: l’incontro nel 1979 cambiò la sua vita e se “lui è il papà della Lega, io ne sono la mamma”, spiegava. Perché da quel giorno la politica diventò il suo lavoro, mentre il calcio e la musica restarono solo passioni.

Tra gli 80 leghisti che rappresentarono per la prima volta la Lega in parlamento nel 1992, poi è diventato ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio nel 1994, ministro del Lavoro nel 2001 e ancora ministro dell’Interno nel 2008 sempre con Silvio Berlusconi presidente del Consiglio, per chiudere infine la sua carriera nelle istituzioni come presidente della Regione Lombardia dal 2013 al 2018.   Aveva annunciato la sua candidatura per diventare sindaco di Varese ma la malattia lo ha costretto a rinunciare un anno fa, nel 2021, quando ha si è ritirato dalla politica attiva.

“Sono profondamente colpita dalla notizia della scomparsa di Roberto Maroni. Un amico, un politico intelligente e capace che ha servito le Istituzioni con buonsenso e concretezza. Il Governo esprime cordoglio e vicinanza alla famiglia e ai suoi cari in questo momento difficile” scrive la Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.

“Grande segretario, super ministro, ottimo governatore, leghista sempre e per sempre. Buon vento Roberto“, ha scritto sui social il leader della Lega Matteo Salvini. Poi nella conferenza stampa sulla manovra economica ha detto: “Parto dal ricordo di Roberto, i cui funerali saranno venerdì mattina a Varese. Per me e per tutta la Lega cambia l’agenda e la scaletta delle priorità: tutta la comunità leghista sarò fisicamente o idealmente venerdì mattina a Varese”. 

“Roberto Maroni è stato un protagonista della politica italiana. Ha ricoperto con grande senso dello Stato incarichi molto importanti. Difendendo sempre con coraggio le sue idee. Prego per la sua famiglia in questo momento di dolore. Riposi in pace”, scrive su Twitter il ministro degli Esteri Antonio Tajani.

“Un amico. Una persona perbene. Un uomo che ha portato buonsenso, concretezza e moderazione nelle Istituzioni. Da Parlamentare, da Ministro, da Presidente di Regione. Esce a testa alta dalla vita. Che la terra ti sia lieve Roberto #Maroni”, è il messaggio del ministro della Difesa, Guido Crosetto.

“Sono sinceramente vicino ai familiari di Roberto Maroni e alla Lega, in cui egli ha militato. Ne ho apprezzato, in particolare nel periodo in cui è stato ministro dell’Interno, la grande efficacia operativa, che ha portato a risultati fuori dal comune nel contrasto alla criminalità di ogni tipo, insieme con la predilezione per il gioco di squadra e la grande giovialità. Che il Signore lo accolga fra le sue braccia”, afferma Alfredo Mantovano, sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Federalista ma non secessionista, toni moderati ma sempre con grande passione, ascolto dei militanti e ostilità nei confronti di qualsiasi ‘cerchio magico’ sono state le caratteristiche di un uomo che, anche nella sua ultima intervista al Corriere della Sera, si è definito “un sognatore”.

“Ricordo Roberto Maroni, leghista appassionato, ministro competente, uomo leale, simpatico, impegnato”, scrive sui social network il commissario agli Affari Economici dell’Unione Europea, Paolo Gentiloni.

“Un uomo di grande garbo e intelligenza politica che ha sempre lavorato con il massimo rispetto delle Istituzioni che è stato chiamato a rappresentare. Una persona perbene. Le nostre condoglianze alla famiglia e alla sua comunità politica”. Così su Twitter la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi.

“Ciao Bobo. E’ stato bello conoscerti. E’ stato bello incrociare il tuo sorriso, è stato bello essere avversari ma collaborare sempre. Un abbraccio alla tua famiglia. Che la terra ti sia lieve” scrive Matteo Renzi.

“Un caro amico, una persona perbene. Mancherà alla politica italiana, perché fu capace di coniugare visione, passione e senso delle istituzioni. Mancherà alla sua Lombardia, mancherà a tutti noi. Un forte abbraccio alla famiglia”, è il messaggio di Mariastella Gelmini, vicesegretario nazionale e portavoce di Azione.

“Di Roberto Maroni si potrebbero dire tante cose. Protagonista di una lunga stagione politica, per me è stato soprattutto un amico”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha ricordato  Maroni sulle sue pagine social.  “Ci siamo consultati, confidati, a volte sfidati. Con la fiducia e il rispetto che devono esserci quando si crede nell’amicizia – ha concluso -. Mancherai a me e a tanti”. (Rai News)

Comunità Italiana

A revista ComunitàItaliana é a mídia nascida em março de 1994 como ligação entre Itália e Brasil.

Leia também outras matérias da nossa revista.



Comentários
Array
(
    [0] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 7583
            [name] => Morto
            [slug] => morto
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 7583
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 24
            [filter] => raw
        )

    [1] => WP_Term Object
        (
            [term_id] => 3036
            [name] => Roberto Maroni
            [slug] => roberto-maroni
            [term_group] => 0
            [term_taxonomy_id] => 3036
            [taxonomy] => post_tag
            [description] => 
            [parent] => 0
            [count] => 4
            [filter] => raw
        )

)

ENQUETE

Você acredita que ainda pode haver uma reviravolta em relação às eleições brasileiras?

Ver resultados

Carregando ... Carregando ...

NOSSO E-BOOK GRÁTIS

SIGA NAS REDES

HORA E CLIMA EM ROMA

  • 06h48
fique por dentro

Não perca
nenhuma
notícia.

Cadastra-se na nossa ferramenta e receba diretamente no seu WhatsApp as últimas notícias da comunidade.