Oggi il quotidiano Repubblica pubblica una lunga lettera di un ex ricercatore universitario, Massimo Piermattei, dove annuncia la sua decisione a 39 anni di lasciare la carriera accademica in storia dell’integrazione europea perché stanco di sperare a vuoto. “La mia generazione è prigioniera di un sistema, mentre i professori universitari hanno sempre più potere. Ne riportimo qui una parte”. 

Ciao, sono Massimo.

Ero uno storico dell’Integrazione europea, ho 39 anni e ho deciso di smettere con l’Università. Se partecipassi a un gruppo di auto-aiuto, inizierei così. Ma è solo la mia storia. La racconto, sì, anche a scopo terapeutico.

Ho iniziato a studiare Storia dell’integrazione europea all’università, e fu un colpo di fulmine. Dopo il dottorato ho iniziato a farmi le ossa: un periodo all’estero, un assegno di ricerca, i contratti. Da allora ho scritto due monografie e più di 25 saggi e articoli in italiano e inglese; ho partecipato a seminari e convegni portando in giro per il mondo il nome dell’università per cui lavoravo. Ma non è di questo che voglio parlare. In questi giorni ho trovato la forza di portare a termine un percorso travagliato in cui mi dibattevo da anni. Ho sempre rinviato, nella speranza che qualcosa cambiasse. Ma la svolta non c’è stata, e la scelta si è fatta improrogabile: restare o andar via?”

Chi prova a entrare nell’Accademia conosce già le sue regole, scritte e (soprattutto) non scritte. Si accetta liberamente, sperando che i finali amari riguardino gli altri: perché noi siamo diversi, o perché il merito, alla lunga, viene fuori. Gli anni passano, e quando la speranza inizia a vacillare, ti ripeti: basta ingoiare ancora un po’.

Il tempo di aspettare è finito

La costante riduzione di fondi per l’Università, unita alla crescente chiusura del reclutamento, ha fatto sì che i professori ordinari abbiano visto crescere in modo esponenziale il loro potere. Sono come un imperatore che decide, con un gesto del pollice: tu sì, tu no.

Le tante riforme varate per premiare il merito hanno finito per danneggiare solo i più deboli. E anche quello sul merito è un ritornello stucchevole: la scarsità di soldi e di posti scatena la guerra tra chi è dentro e chi è fuori e, ancor peggio, tra poveri.

Di fatto, per entrare hai bisogno di un “maestro” che ti aiuti a costruire un curriculum spendibile e di un “tutore” che ti faccia passare i concorsi, o comunque ti garantisca posizioni e risorse: due figure che spesso coincidono. Le eccezioni ci sono, ma confermano la regola, e permettono al sistema di giustificarsi: “Vedete? È tutto trasparente“. Se non li hai, un maestro e un tutore, sei orfano, e per gli orfani non c’è futuro. Magari qualcuno ti aiuterà per un po’, ma finisce lì. E io, da un po’ di tempo a questa parte, ero orfano. Circondato da sorrisi al motto “non aderire e non sabotare”, che è poi, alla prova dei fatti, un sabotaggio. Ma pilatesco, perché manca il coraggio di dirti: “Per te non c’è posto, fai altro”.

La strana figura del marchettaro universitario

Cosa può fare un orfano testardo che voglia comunque provare a costruirsi una carriera? Si dibatte tra i contratti d’insegnamento e le collaborazioni. I primi, in cambio dell’opportunità di tenere un piede dentro e farti chiamare “professore”, garantiscono pochi soldi in cambio di un’enorme mole di lavoro (l’ultimo che ho avuto era di 1.500 euro lordi per 60 ore di lezione e una decina di appelli d’esame). Le seconde, oltre a essere tassate in modo clamoroso, portano via tempo ed energie. A perderci, naturalmente, è la ricerca. Il bisogno di soldi spiega tra l’altro la figura del “marchettaro”, il fenomeno per cui uno studioso precario scopre un improvviso interesse per un argomento di cui non gli importa nulla, ma se lo studia gli danno 500 o mille euro. Spesso mesi o anni dopo la consegna del lavoro. Il tutto in un contesto umiliante, in cui si aspetta mesi un appuntamento cruciale. E chi sta dall’altra parte finge di non sapere che un intoppo burocratico può avere per te conseguenze devastanti: “Ti avevo detto che l’assegno non sarà rinnovato?”.

Andare all’estero? Solo retorica

Conosco il ritornello: si può sempre partire, no? Comprendo bene le ragioni di chi lascia l’Italia per l’estero, ma su questo punto ha preso piede una retorica imbarazzante. È passata l’idea per cui se lavori fuori sei bravo; se hai scelto l’Italia sei, come minimo, complice del sistema. Non c’è spazio per l’ipotesi che tu sia rimasto perché non potevi espatriare o per provare a cambiare le cose.

Quanti sacrifici hanno fatto mia moglie e i miei due bimbi perché io potessi ancora tentare. Chi si occupa di discipline umanistiche è un orfano tra gli orfani. Nel discorso pubblico, ormai da anni, vale solo la “tecnica”, la ricerca “vera”. E la Storia? Roba per perditempo. Lo studio del passato è scomodo perché mette a nudo il presente, e poi non è pop, non è fatto di anglicismi, slogan, formule. Lungi da me il denigrare la scienza: viva le macchine! Viva i laboratori! (Da qualche settimana, per vivere, vendo ricambi d’auto). Ma il nostro rifiuto della Storia è vergognoso.

E ciò che soprattutto rimane inaccettabile è lo spreco di risorse di un’intera generazione. Quante persone ho incontrato in dieci anni; quanti talenti. Quanta rabbia nel vederli appassire.Oggi sono uno di loro. Me ne vado per dignità. Non rinnego quel che ho fatto, perché mi ha fatto crescere come persona e come uomo. Non è una resa, ma un issare le vele per tornare in mare aperto. “Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la corsa, ho conservato la fede”. (AGI)